Benvenuti sul sito di FUOCOfuochino

La più povera casa editrice del mondo!

Contattaci!

Stelio Carnevali (Bagnolo San Vito 1940). Nel 1964 Mario Artioli, titolando Poesia come pane, raccoglie e commenta per il primo numero della rivista “Il Portico” alcuni testi, già apparsi dal 1958, su “Bancarella” di Giovanni Piubello. Il lavoro lo porta lontano da Mantova per molto tempo. Alberto Cappi in più di un'occasione inserisce sue poesie per la pubblicazione nell’antologia Le proporzioni poetiche, a cura di Domenico Cara, Milano, 1976. Pubblica Kalùbria (1995), In disparte (1998), L'altra stanza (1999), e Scritture peregrine, brevi cronache su mostre e incontri (2001). Nel 1999 Maurizio Cucchi pubblica la poesia Tina in “Specchio della Stampa”. Nel 2002, per “La città dei poeti” pubblica Una parlata bianca, (Sometti, Mantova, 2002) con presentazione di Alberto Cappi. Nel 2014, in collaborazione con Vladimiro Bertazzoni, pubblica La morte ne infranse il volo, quasi una biografia del musicista mantovano Aldo Ottolenghi. Nel 2015 esce Dico di Franco Rognoni, storia dell’amicizia con il pittore milanese. Per FUOCOfuochino ha pubblicato È notte e con la notte una voce (2022), Per mani esperte d’altro (2023) e Anguria Blues (2024).

Torna a tutti gli Autori

Geminiano Bernardi (Quarantoli, 1960). Scrive versi apprezzati da Sanguineti (Cervo volante). Si laurea in filosofia a Bologna e scrive saggistica accademica (Annali di discipline filosofiche) e testi di critica letteraria (Inchiesta letteratura). Ritorna alla poesia dopo i cinquant’anni, realizzando diverse raccolte inedite. Per FUOCOfuochino ha pubblicato Vita cilecca (2020), Lezioni di sordità (2023) e Un io di seconda mano (2024).

Torna a tutti gli Autori

Fabrizio Abbati [1954]. Lottatore e campione di sciabola ai campionati regionali del 1972. Fin da ragazzo ama cimentarsi in ogni tipo di lotta: lotta libera, lotta grecoromana, box, sumo, judo e karate. Tra un combattimento e l’altro, ha strane visioni che inducono i genitori a mandarlo in collegio, poi in seminario. Ne esce cambiato, ma non prende i voti. Dopo diverse peripezie lavorative e amorose, si ritrova a vivere prima in una roulotte, poi in un bellissimo attico. Per la casa editrice Sempremai ha pubblicato Don Barabba e altre storie di preti. Per FUOCOfuochino ha pubblicato Vita da medico (2018), I miei pazienti (2020), Don Gino (2021), Passeggeri, Quadretto familiare (2022) e Passeggeri, Parenti (2024).

Torna a tutti gli Autori

 

Luca Ferrari (Cremona, 1963) ha scritto e tradotto libri su musicisti rock, folk e jazz come Third Ear Band, Robyn Hitchcock, Captain Beefheart, Tim Buckley, Nick Drake, Syd Barrett, Mike Taylor per le maggiori case editrici. Pioniere del fanzinato italico, ha collaborato con riviste come Ciao 2001, Rockerilla, L'Ultimo Buscadero, Vinile, Mjuzik, Folk Bulletin. Ha organizzato festival e concerti, partecipato come giurato a concorsi e rassegne, tenuto conferenze e corsi sulla storia del Rock e sull'evoluzione delle tecnologie audio. Ha scritto presentazioni di mostre e cataloghi d'arte per amici pittori e scultori, curato booklet CD, composto testi in inglese per dischi. Per FUOCOFuochino pubblicato Finale (2015), Shiva a Milano (2016), La Giornata Mondiale (2017) e Dei delitti e delle pene altrui (2024). Non twitta, non ha un profilo su Facebook o Instagram, non ama i cosiddetti social media; ha solo un sito Internet all’indirizzo https://chino6339.wixsite.com/gelatoaicorvi  Ateo, anticlericale, libertario, liberale, antifascista non appartiene a confraternite giornalistiche, partiti politici, sindacati, lobby, movimenti.

Torna a tutti gli Autori

 

Giacomo Bellina nasce a Viadana nel 1961 da padre originario di Sarajevo da genitori friulani e da madre slovena di Velenje (Bassa Stiria). Si diploma geometra nel 1980 presso l’Istituto Aleardo Aleardi di Verona preparando l’esame di maturità insieme agli insegnanti di costruzioni e topografia alla “Bottega dei Vini” nella città scaligera. Pratica la professione fino al 1998 anno in cui è assunto come tecnico della sicurezza presso l’Ospedale Maggiore di Parma. Cirrotico all’ultimo stadio con diagnosi di morte, guarisce completamente dopo quattro anni di cura. Ci tiene a sottolineare che è stato amico fraterno di Pier Carpi. Vive a Viadana.

Torna a tutti gli Autori

 

Utenti online